Nel mondo dell’enogastronomia fa sempre piacere quando l’abilità, l’ingegno e la ricerca riescono a smentire alcuni preconcetti. E’ accaduto, con grande soddisfazione, qualche giorno fa a Firenze. Al centro del dibattito – pardon, dell’evento – c’era la creazione di gelati particolari e il loro utilizzo in abbinamento con pietanze salate di un certo spessore. Non lo nego, un minimo di preconcetto c’era, nonostante la caratura degli organizzatori dell’evento, il gruppo dei Gelatieri Artigiani Fiorentini, avesse dovuto dare qualche garanzia. L’associazione ha voluto osare, cimentandosi nel progetto di presentare il gelato in una nuova chiave di degustazione: piatti “alti” della tradizione toscana abbinati ad un gelato che, a seconda della pietanza, poteva essere dolce o salato. Scenario dell’evento, andato in scena qualche giorno fa, è la Terrazza Brunelleschi del Grand Hotel Baglioni: se i piatti sono stati preparati dallo chef Richard Leimer, il suo estro e la sua inventiva hanno fatto il paio con quella dei gelatieri fiorentini.

gel1

La partenza rischiava di essere la riproposizione di uno stereotipo, il classico antipasto prosciutto e melone. In realtà, a far la differenza sono stati i dettagli, le sfumature, i particolari: è vero che l’abbinamento non è certo nuovo, ma l’uso di meloni freschi lavorati “espressi” e il prosciutto toscano 24 mesi di Renieri tagliato sottile hanno dato al piatto quel valore aggiunto. Poi è stata la volta del menù vero e proprio, con una millefoglie di capesante  scottate al lime e provola e pomodorino con tartar di scampi e menta, abbinato al gelato alla salsa verde (foto in alto). Notevole l’amalgama di sapori tra il gelato e lo scampo, così come l’armonia tra la capasanta – cotta al punto giusto – e il formaggio, con il lime a dare il giusto tocco.

gel2

Il menù è proseguito con una crema di carote fredda con gelato al ginger e coda di gambero al timo. Anche qui è stato interessante il gioco di contrasti tra il dolce della crema di carota e il sapore speziato del ginger, senza che il timo o il gambero soccombessero. Soprattutto, non ha dato l’impressione di essere un accostamento forzato o innaturale. Il criterio “ne ordinerei un altro piatto o no” stavolta è decisamente soddisfatto.

gel3

Poi è stata la volta del primo, un cappellaccio (uno) di pecorino con pesche caramellate e maggiorana, mentre il gelato era in un cestino di formaggio: forse la pesca era un elemento troppo dolce, nel complesso del piatto, ma la consistenza del cappellaccio si sposava benissimo sia con il cestino di formaggio che con l’intingolo di pecorino.

gel4

Dopo il bon bon di cioccolato al frutto della passione, il secondo piatto arrivato al tavolo era forse quello dove le aspettative erano maggiori, così come la curiosità per l’abbinamento. Il medaglione di pescatrice avvolto nel rigatino (non una novità, ma sempre gradevolissima) abbinato al gelato allo zafferano: anche in questo caso, il risultato è stato al di sopra delle aspettative. Se è vero che in gelateria difficilmente un cliente acquisterebbe un cono o una coppetta allo zafferano, un esperimento del genere nobilita il gelato a degno accompagnamento di un pesce pregiato come la pescatrice.

gel5

Prima dell’ultima portata – il blu di bufala con mostarda di albicocche e zucca – c’è stato tempo per un altro secondo: lo spiedino di quaglia alla salvia, abbinato al gelato alla ciliegia. Al di là dell’ottima fattura del gelato in sé, l’abbinamento ha marcato una differenza con il piatto precedente: l’abbinamento non giocava sul continuum di sapori ma sul contrasto, con risultati interessantissimi. Insomma, a conti fatti, l’abbinamento di gelati ad hoc – quelli che, come detto, sarebbe difficile vendere a sé in coni o coppette – con piatti salati della tradizione non è più un’utopia o un semplice divertissement.

Articolo precedenteWeekend di degustazioni a San Casciano e Suvereto
Articolo successivoGorgona, il vino del marchese e dei detenuti
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

2 COMMENTS

  1. […] Nemmeno il tempo di smaltire la sbornia del Festival del Gelato, insomma, che in riva all’Arno si ricomincia ad assaggiare (ecco come farlo in modo professionale): la prima serata aperta al pubblico di questo menù andrà in scena giovedì 6 giugno a partire dalle 20.30 presso la Terrazza Brunelleschi del Grand Hotel Baglioni. Oltre all’incantevole spettacolo di una delle location mozzafiato di Firenze, la serata – a 35 euro a persona – sarà impreziosita dalla partecipazione dello chef Richard Leimer del Grand Hotel Baglioni, che per l’occasione ha creato, in collaborazione con i Gelatieri Artigiani Fiorentini, un menù fantasioso e ispirato alla tradizione culinaria. (Ecco il resoconto della serata) […]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.