Sapevate che esiste la giornata nazionale delle “Fettuccine Alfredo” (ed è il 7 febbraio)?

fettuccine alfredo

Giovedì 7 febbraio si celebra, come ogni anno dal 2016, la giornata delle Fettuccine Alfredo, il piatto nato a inizio Novecento a Roma e diventato icona della cucina italiana oltreoceano. C’è chi lo festeggia con un charity. Ecco come

fettuccine alfredo

Passi per la giornata mondiale della pizza o del tiramisù, ma sono pronto a scommettere un quarto di dollaro (sì, suona meglio che “mezzo euro”) che neanche voi sapevate dell’esistenza di una giornata nazionale delle Fettuccine Alfredo. Beh, di questo piatto – nato a Roma a inizio Novecento e diventato icona della cucina italiana oltreoceano grazie ai divi del cinema muto di Hollywood Douglas Fairbanks e Mary Pickford – avevamo già parlato qui, cercando di fare ordine nella sua genesi.

fettuccine alfredo

Eppure il 7 febbraio c’è chi celebra il Fettuccine Alfredo Day con un charity dinner: è il ristorante Alfedo alla Scrofa, insieme al consorzio del Parmigiano Reggiano. All’appuntamento “Un Gesto d’Amore” parteciperanno anche star come Martina Colombari o Paola Cortellesi. I festeggiamenti nascono dalla collaborazione del ristorante Alfredo alla Scrofa con Every Child is My Child onlus – l’associazione senza scopo di lucro ideata dall’attrice Anna Foglietta. Durante la cena, attori e registi del calibro di Max BrunoMartina ColombariPaola CortellesiAndrea BoscaPaolo GenoveseEdoardo Leo e Vittoria Puccini racconteranno il progetto della onlus e intratterranno il pubblico.

Il Consorzio sarà protagonista in due momenti durante la serata: in principio, con il rito dell’apertura della forma e poi con la donazione di una forma di Parmigiano Reggiano ad Alfredo alla Scrofaun gesto che rinnova simbolicamente la collaborazione nata nel 2015. Il Consorzio contribuirà inoltre con una donazione alle attività di Every Child is My Child Onlus. “Siamo entusiasti di celebrare il National Fettuccine Alfredo Day – afferma Nicola Bertinelli, presidente del Consorzio – in primis per il risvolto benefico della manifestazione ma anche perché il Parmigiano Reggiano è un ingrediente fondamentale delleoriginali Fettuccine Alfredo. È incredibile pensare come la mantecatura possa fondere la bontà delle fettuccine, del Parmigiano Reggiano e del burro in un piatto così strepitoso”.

Marco Gemelli

Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.ilforchettiere.it, embrione del Forchettiere. Gestisce infine un Bed & Breakfast a Firenze (www.damilaflorence.com).

1 Comment

  • Rispondi gennaio 26, 2019

    Ines Di Lelio

    STORIA DI ALFREDO DI LELIO, CREATORE DELLE “FETTUCCINE ALL’ALFREDO” (“FETTUCCINE ALFREDO”), E DELLA SUA TRADIZIONE FAMILIARE PRESSO IL RISTORANTE “IL VERO ALFREDO” (“ALFREDO DI ROMA”) IN PIAZZA AUGUSTO IMPERATORE A ROMA

    Con riferimento al Vostro articolo ho il piacere di raccontarVi la storia di mio nonno Alfredo Di Lelio, inventore delle note “fettuccine all’Alfredo” (“Fettuccine Alfredo”).
    Alfredo Di Lelio, nato nel settembre del 1883 a Roma in Vicolo di Santa Maria in Trastevere, cominciò a lavorare fin da ragazzo nella piccola trattoria aperta da sua madre Angelina in Piazza Rosa, un piccolo slargo (scomparso intorno al 1910) che esisteva prima della costruzione della Galleria Colonna (ora Galleria Sordi).
    Il 1908 fu un anno indimenticabile per Alfredo Di Lelio: nacque, infatti, suo figlio Armando e videro contemporaneamente la luce in tale trattoria di Piazza Rosa le sue “fettuccine”, divenute poi famose in tutto il mondo. Questa trattoria è “the birthplace of fettuccine all’Alfredo”.
    Alfredo Di Lelio inventò le sue “fettuccine” per dare un ricostituente naturale, a base di burro e parmigiano, a sua moglie (e mia nonna) Ines, prostrata in seguito al parto del suo primogenito (mio padre Armando). Il piatto delle “fettuccine” fu un successo familiare prima ancora di diventare il piatto che rese noto e popolare Alfredo Di Lelio, personaggio con “i baffi all’Umberto” ed i calli alle mani a forza di mischiare le sue “fettuccine” davanti ai clienti sempre più numerosi.
    Nel 1914, a seguito della chiusura di detta trattoria per la scomparsa di Piazza Rosa dovuta alla costruzione della Galleria Colonna (oggi Galleria Sordi), Alfredo Di Lelio decise di aprire a Roma il suo ristorante “Alfredo” che gestì fino al 1943, per poi cedere l’attività a terzi estranei alla sua famiglia.
    Ma l’assenza dalla scena gastronomica di Alfredo Di Lelio fu del tutto transitoria. Infatti nel 1950 riprese il controllo della sua tradizione familiare ed aprì, insieme al figlio Armando, il ristorante “Il Vero Alfredo” (noto all’estero anche come “Alfredo di Roma”) in Piazza Augusto Imperatore n.30 (cfr. il sito web di Il Vero Alfredo).
    Con l’avvio del nuovo ristorante Alfredo Di Lelio ottenne un forte successo di pubblico e di clienti negli anni della “dolce vita”. Successo, che, tuttora, richiama nel ristorante un flusso continuo di turisti da ogni parte del mondo per assaggiare le famose “fettuccine all’Alfredo” al doppio burro da me servite, con l’impegno di continuare nel tempo la tradizione familiare dei miei cari maestri, nonno Alfredo, mio padre Armando e mio fratello Alfredo. In particolare le fettuccine sono servite ai clienti con 2 “posate d’oro”: una forchetta ed un cucchiaio d’oro regalati nel 1927 ad Alfredo dai due noti attori americani M. Pickford e D. Fairbanks (in segno di gratitudine per l’ospitalità).
    Un aneddoto della vita di mio nonno. Alfredo fu un grande amico di Ettore Petrolini, che conobbe nei primi anni del 1900 in un incontro tra ragazzi del quartiere Trastevere (tra cui mio nonno) e ragazzi del Quartiere Monti (tra cui Petrolini). Fu proprio Petrolini che un giorno, già attore famoso, andando a trovare l’amico Alfredo, dopo averlo abbracciato, gli disse “Alfré adesso famme vede che sai fa”. Alfredo dopo essersi esibito nel suo tipico “show” che lo vedeva mischiare le fettuccine fumanti con le sue posate d’oro davanti ai clienti, si avvicinò al suo amico Ettore che commentò “meno male che non hai fatto l’attore perché posto per tutti e due nun c’era” e consigliò ad Alfredo di tappezzare le pareti del ristorante con le sue foto insieme ai clienti più famosi. Anche ciò fa parte del cuore della bella tradizione di famiglia che continuo a rendere sempre viva con affetto ed entusiasmo.
    Desidero precisare che altri ristoranti “Alfredo” a Roma non appartengono e sono fuori dal mio brand di famiglia.
    Vi informo che il Ristorante “Il Vero Alfredo” è presente nell’Albo dei “Negozi Storici di Eccellenza” del Comune di Roma Capitale.
    Grata per la Vostra attenzione ed ospitalità nel Vostro interessante blog, cordiali saluti
    Ines Di Lelio

Leave a Reply

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.