Sta per aprire a Firenze una nuova food court, in posizione strategica: in via Cavour debutta lunedì Godi Fiorenza, con la pasta di Domenico Gatto, la pizza di Antonino Esposito, i crudi di Edoardo Tilli, la griglia della macelleria Parti e la Caffetteria Pascucci

 Godi Fiorenza

Non ci sono più solo il Mercato Centrale ed Eataly, nel “Royal Mile” del centro di Firenze: sta infatti per aprire nel cuore della città – in posizione strategica, in via Cavour 26r, più o meno a metà strada tra via Martelli e piazza San Marco – una nuova food court: a poche centinaia di metri da Eataly debutta giovedì Godi Fiorenza, con piatti griffati come la pasta di Domenico Gatto, la pizza di Antonino Esposito, i crudi di Edoardo Tilli, la griglia della macelleria Parti e la Caffetteria Pascucci.

Godi Fiorenza

La serata inaugurale di Godi Fiorenza sarà lunedì 15 aprile, con un evento cui parteciperà Il maestro pizzaiolo Antonino Esposito, inventore della “Frusta Sorrentina”. Sarà protagonista di una serata dedicata alle eccellenze in un cooking show dove sarà possibile incontrare il maestro, vederlo all’opera, ed assaggiare tutte le specialità presenti all’interno della nuova Food Court in via Cavour 26r a Firenze. Per chi fosse interessato, qui ci sono i dettagli sull’evento.

Godi Fiorenza

Funzionerà così: all’ingresso ci sono il bar e la cassa, si fa lo scontrino e si riceve in cambio uno strumento che si illumina quando l’ordinazione è pronta. Poi ci si mette a sedere aspettando di essere chiamati: semplice e veloce. Dietro l’intuizione di una nuova food court in pieno centro ci sono Donato Crivelli e la compagna, già titolari di Simbiosi – Organic Food poco distante. Ognuno dei cinque nomi coinvolti ci mette del suo: lo chef Edoardo Tilli, ad esempio, preparerà una serie di quattro tartare di carne (tra tradizionali e affumicate) e crudité di pesce, incluse ostriche e gamberoni. Il pizzaiolo Esposito sarà talvolta presente, con tutte le sue specialità, sostituito comunque da un suo uomo di fiducia.

Previous articleStorie di vino: Donne Fittipaldi, l’azienda “rosa” di Bolgheri
Next articleAutunno, sarà boom della pizza napoletana: a ottobre a Firenze torna Starita (e non solo…)
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.