Solidarietà: il 6 settembre torna l’evento “Italian Chef Charity Night” al Forte Belvedere

PAM_8219-1050x700

Solidarietà, una pioggia di stelle per la lotta al femminicidio: giovedì 6 settembre torna la Italian Chef Charity Night al Forte Belvedere, terza edizione dell’appuntamento che mette insieme i piatti “griffati” da 16 chef toscani, stellati e non. I fondi raccolti verranno utilizzati per proteggere le donne minacciate di morte da ex mariti e stalker

491779451-forte-belvedere-mura-della-citta-firenze-terrazza-architettura

La rete di solidarietà degli chef fiorentini non si ferma. Per il terzo anno consecutivo, dopo due appuntamenti dedicati ad Amatrice e alla ricostruzione post-sisma, la tradizionale serata benefica verrà organizzata sulla terrazza del Forte Belvedere. Quest’anno i fondi raccolti saranno destinati alla lotta al femminicidio e alla violenza di genere. L’appuntamento andrà in scena giovedì 6 settembre e coinvolgerà alcuni dei più rinomati chef fiorentini e toscani, che hanno risposto con grande generosità all’appello lanciato dal comitato Italian Chef Charity Night per dare un segnale di continuità con le iniziative degli ultimi due anni. Il programma della serata prevede una cena a buffet aperta al pubblico, con un’offerta minima di 25 euro interamente devoluta al centro antiviolenza Artemisia per mantenere le due case a indirizzo segreto dove vivono protette le donne e i bambini minacciate di morte da ex mariti o stalker.

PAM_8219-1050x700

I partecipanti potranno così assaggiare i piatti “signature” di 16 importanti chef del panorama fiorentino e toscano, inclusi i titolari di diversi ristoranti stellati: saranno presenti, tra gli altri, gli stellati Annie Feolde (Enoteca Pinchiorri), Marco Stabile (Ora d’Aria), Peter Brunel (Borgo San Jacopo), Antonello Sardi (La Bottega del Buon Caffè) e Ombretta Giovannini (La Leggenda dei Frati), insieme a Stefano Cavallini (Tosca), il primo italiano ad aver conquistato la stella Michelin fuori dall’Italia. E ancora: non mancheranno Karime Lopez, braccio destro di Massimo Bottura alla Gucci Garden Osteria, e habitué come Simone Cipriani (Essenziale) o Beatrice Segoni (Konnubio) accanto a new entries come Sandro Baldini (Relais Le Jardin), Riccardo Serni (Trattoria Moderna) o Monika Filipinska (Dievole). In omaggio al principio di parità di genere, quest’anno sono stati chiamati 8 chef uomini e 8 donne. I fondi raccolti durante la serata – condotta, come sempre, da Annamaria Tossani (Italia7) – saranno consegnati nelle mani della presidente del centro Artemisia, Teresa Bruno. Alla fine, è previsto un momento musicale con il cantautore fiorentino Fabrizio Venturi, che si esibirà sulla terrazza del Forte per un mini-concerto live.

gruppo-chef

“A due anni dalla prima edizione del charity – spiega Marco Gemelli, il ‘Forchettiere’, organizzatore insieme a Once Events – chiediamo a Firenze di ripetere la straordinaria prova di generosità delle volte precedenti. La lotta al femminicidio rappresenta un tema cruciale che tocca la nostra quotidianità, tanto più odioso perché questo fenomeno può colpire all’improvviso e spazzare via intere famiglie. Possiamo contribuire a evitare altre morti, e per questo vogliamo chiamare a raccolta la popolazione di Firenze perché dia una volta di più il suo contributo. Anche quest’anno, la prima risposta è incoraggiante, con decine di messaggi di adesione non solo da parte degli chef ma anche di fotografi, sponsor e cittadini interessati a partecipare, anche solo come volontari. Ognuno sta contribuendo alla realizzazione dell’iniziativa con generosità, in base alle proprie disponibilità e ai talenti personali”.

 

Gli chef e i piatti della Italian Chef Charity Night 2018

Ecco i 16 chef coinvolti nella Italian Chef Charity Night 2018 e i piatti che porteranno al Forte Belvedere, in rigoroso ordine alfabetico:

Sandro Baldini (Relais Le Jardin) – Red shoes on a black drama (in basso)

Solidarietà: il 6 settembre Italian Chef Charity Night al Forte Belvedere

Luigi Bonadonna (Chalet Fontana) – Quaglia ripiena alla toscana, ganache di pinoli e parmigiano, polvere di lamponi e spugna al nero di seppia (in basso)

Solidarietà: il 6 settembre Italian Chef Charity Night al Forte Belvedere

Michela Bottasso (Biagio Pignatta) – Risotto mantecato alle barbabietole, gambero rosso e burrata

Peter Brunel (Borgo San Jacopo) – Ceviche di salmone, acqua di pomodoro, finocchio, ravanello e daikon

Solidarietà: il 6 settembre Italian Chef Charity Night al Forte Belvedere

Stefano Cavallini (Tosca) – Riso al tartufo nero estivo, carpaccio di sogliola e porri fritti

Simone Cipriani (Essenziale) – Taco di lattuga con ragù al nero

Annie Feolde (Enoteca Pinchiorri) – Mousse di foie gras affumicato e gelatina di lamponi

Monika Filipinska (Dievole) – Controfiletto di Chianina, hummus di legumi e acetosella, maionese all’Evo di Dievole ed erbe spontanee

Ombretta Giovannini (La Leggenda dei Frati) – Cozze e patate

Karime Lopez (Gucci Garden Osteria) – Emilia Burger

Elisa Masoni (La Quercia di Villa Castelletti) – Bigné di fegatini con una gelé al vinsanto, salvia, ananas e cipolla in agro (in basso)

Solidarietà: il 6 settembre Italian Chef Charity Night al Forte Belvedere

Nadia Moller (Momio) – Polpo, peperone grigliato, burrata, cioccolato

Antonello Sardi (La Bottega del Buon Caffè) – Finto pomodorino di paté d’anatra (in basso)

Solidarietà: il 6 settembre Italian Chef Charity Night al Forte Belvedere

Riccardo Serni (Trattoria Moderna) – Panino all’astice blu e salsa rosa

Beatrice Segoni (Konnubio) – Finta caprese con pomodorini confit e crostini di pane alle olive

Marco Stabile (Ora d’Aria) – Uovo al pomodoro e tarese

 

Ecco invece i prodotti che sarà possibile assaggiare nel corso della serata:

  • Un finger food a base di uova del ristorante NuOvo
  • I pani e le schiacciate del forno Pane, amore e fantasia
  • I vini dell’azienda vinicola Vallepicciola
  • Lo champagne della maison Bergere
  • I cioccolatini del maestro Andrea Bianchini
  • Il gelato di Paolo Pomposi (Badiani) e Giampiero Burgio (Gippino), in rappresentanza del Gelato Festival

Marco Gemelli

Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itreforchettieri.it, embrione del Forchettiere. Gestisce infine un Bed & Breakfast a Firenze (www.damilaflorence.com).

Be first to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.