Mancano due settimane alla presentazione della Guida Michelin 2020, in programma il 6 novembre a Piacenza. Nell’attesa di conoscere vecchie e nuove stelle, ci (e vi) chiediamo un parere su Firenze e provincia

Ormai mancano appena due settimane alla presentazione della Guida Michelin 2020, in programma mercoledì 6 novembre a Piacenza. Nell’attesa di conoscere vecchie e nuove stelle, ci (e vi) chiediamo un parere su Firenze e provincia, con un sondaggio pubblico a cui ne verrà affiancato un altro, frutto delle impressioni di un panel di 50 addetti ai lavori.

ispettori michelin

Ci saranno nuovi ristoranti stellati a Firenze e provincia? Quali? Quanti? Qualcuno, al contrario, perderà la stella? Una premessa è d’obbligo, per quanto scontata: questo sondaggio non è altro che un gioco, un mero divertissement, l’equivalente digitale di una chiacchiera da bar tra persone che – per lavoro o per diletto – si occupano di fine dining. Quindi, intendo anticipare eventuali contumelie strumentali del tipo: “Stai giocando con il lavoro e la vita di intere famiglie, serve rispetto per il lavoro altrui, ecc…”. Al massimo, una sana toccata di p*lle e/o dita incrociate fino alla torsione, a seconda degli esiti.

michelin

Se gli occhi di tutti saranno rivolti a Piacenza – che insieme a Reggio Emilia e Parma, cuore della Food Valley italiana, costituisce il polo gastronomico Destinazione Emilia – in riva all’Arno ci possiamo sbizzarrire a creare pronostici in attesa che vengano smentiti dalla “Rossa”, notoriamente incline a sovvertire profezie e anticipazioni. Partiamo dalle 38 stelle del 2019. Sono consentite fino a 3 preferenze per ogni sondaggio, e si può votare una volta sola.

Ecco il sondaggio per votare chi prende la stella Michelin 2020 a Firenze

Chi prende la stella Michelin 2020 a Firenze? (max 3 voti)

Ed ecco quello per chi perde la stella Michelin 2020 a Firenze

Chi perde la stella Michelin 2020 a Firenze? (max 3 voti)
Previous articleFrancesca Lorenzoni: la regina (con laurea) del drink, tra calici e tumbler
Next articleGentian Shehi, al Winter Garden by Caino i buoni frutti dell’eredità di Valeria Piccini
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.