Toscana da bere, viaggio tra i cocktail bar della regione: Eleven Cafè (Pisa)

barman

Torna Toscana da bere, il viaggio tra i cocktail bar del Granducato: da un’idea di Federico Bellanca, ogni settimana passiamo in rassegna i luoghi del “bere bene” miscelato. Oggi andiamo a Pisa per scoprire Eleven Cafè

Prescindendo dalla celeberrima torre, Pisa è famosa a livello italiano per alcune eccellenze, in primis le sue università (dalla Normale alla Sant’Anna) che in molteplici discipline formano la “meglio gioventù” per diventare il futuro del paese. Pregio e difetto di ogni città turistica ed universitaria però, è il basso potere di spesa dei consumatori, e basta fare una passeggiata nelle vie del centro per rendersene conto. Guardando le lavagnette appese fuori dai bar e dai ristoranti, ogni attività commerciare pare subito voler mettere il focus sul prezzo: “spritz a 4 euro”, “pranzo a 7,50”…La qualità purtroppo sembra uscire dall’equazione di scelta dei consumatori per una serata fuori.Ma per fortuna non è sempre così, e la più nobile eccezione per quanto riguarda il mondo del buon bere miscelato è senza dubbio Eleven Café.

Situato in un’ampia piazza, a pochi passi dalle vie dello shopping, questo cocktail bar aperto nel 2011 ha saputo anno dopo anno crearsi un proprio pubblico di appassionati e (cosa più importante) diventare il faro cittadino per chi vuole scoprire il mondo dei Cocktails. Dietro il bancone si trova Valerio Bartalini, vera anima del locale essendo al tempo stesso il titolare e l’artista del bicchiere. Il giovane bartender ha saputo creare un’ambiente conviviale, dove d’inverno si può gustare un drink davanti al fuoco e d’estate ci si gode l’aperitivo nei tavolini all’esterno, grazie ad una vera e propria metamorfosi del locale, che si struttura con un secondo bancone direttamente sul dehor per servire all’aperto.

Con una bottigliera strutturata su più livelli, in cui spicca un ampio assortimento di Gin con più di 100 referenze, (tra cui alcune vere e proprie rarità come il Tanqueray Malacca 1997, bottiglia ormai praticamente introvabile), la scelta dei cocktail è invidiabile e fantasiosa, e permette di sviluppare drink-list stagionali molto ricercate.

Altro punto di forza del locale è l’amore di Valerio per il più famoso dei cocktails italiani, che lo ha portato a trasformare Eleven nel primo “Club del Negroni” cittadino, con un’ampia carta dedicata al cocktail del Conte Camillo, in cui i vari spiccano creazioni create da bartender-amici di fama nazionale, come Luca Picchi o i ragazzi di Franklin’33 di Lucca. Assolutamente da provare a tal proposito il Negroni Pisano, vero e proprio “piatto forte” della casa, realizzato solo con distillati a Km 0 delle aziende Taccola e Ginepraio. Che sia per una girata turistica o per ragioni puramente intellettuali, e sempre bello riscoprire Pisa, e ora c’è una ragione in più per farlo, anzi…undici!

Federico Bellanca

Federico Bellanca

Federico Silvio Bellanca, nato l’ultima settimana del 1989 a Fiesole, reputa se stesso la risposta alla domanda di Raf “cosa resterà di questi anni 80”, e si crede simpatico ogni volta che fa questa battuta. Specialista in Marketing del settore Beverage, ha lavorato in quest'ambito per alcuni anni (soprattutto sul mercato francese), per poi passare a ruoli di responsabilità nelle vendite in diverse aziende spaziando dal vino alla birra fino ai prodotti food. Stregato dal fascino del giornalismo ha cominciato a scrivere per riviste tecniche nel 2015, prima su GDOnews e successivamente su Beverfood.com. A fine 2017 inizia a scrivere su il Forchettiere per raccontare la passione di tutti i protagonisti della ristorazione incontrati mentre cercava dati di mercato e trend di marketing. Ama i cocktail in cui gli ingredienti sono creati del bartender, i ristoranti che non fanno razzismo regionale nei vini e tutto quello che viene servito crudo o quasi. Odia i sorrisi forzati nelle foto , gli appassionati morbosi di un singolo prodotto e scrivere di se stesso in terza persona nelle biografie perché non riesce a farlo troppo seriamente…

Be first to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.