Una serie di suggerimenti per trascorrere le calde serate dell’estate fiorentina tra street food, musica e intrattenimento, dal centro alla periferia della città

The Lodge Club

Come ogni estate, Firenze offre una serie di spunti per chi resta in città. Dagli storici locali sulla riva dell’Arno fino alle ultime aperture dal centro alla periferia, ecco una serie di suggerimenti per combattere la calura gustando street food, concedendosi un buon drink e ascoltando musica in compagnia.

The Lodge Club

A un anno dall’esordio, The Lodge Club è ancora la novità e il place to be in città. Dove sorgeva lo Chalet delle Rampe trova posto un locale dalla triplice identità: un ristorante di respiro internazionale con vista sul centro storico dalla collina del Poggi, l’area “Jungle” per aperitivi e lounge, e il momento del clubbing serale, che ogni sera prende vita nel locale. La novità è la formula del dining club, che – complice il contesto di alto livello estetico e con l’obiettivo di marcare una certa distanza col mondo dei locali da ballo – unisce cena e dopocena. La ristorazione, affidata alle mani dello chef Rocco Loisi, propone una cucina eclettica con rimandi alla tradizione italiana.

Ecco così alternarsi nel menù antipasti come l’Astice blu con chutney di mango, indivia e pesca bianca, primi come gli spaghetti alla trilogia di pomodori, o secondi come la Milanese con brunoise di pomodori & acciugata. Ad accompagnare, una selezione di bollicine italiane e francesi che non ha pari. Spazio poi alla cucina giapponese – uramaki, nigiri, sashimi e tataki, con abbinamenti inusuali – e, nello spazio jungle, focacce e pizze gourmet. Aderendo alla filosofia no waste, il menù riduce al minimo gli sprechi e punta ad utilizzare in toto ogni materia prima. A cornice dell’offerta gastronomica c’è poi l’intrattenimento live, con cocktail e lounge bar, dal pomeriggio a tarda sera.

Fuoribordo Ekò

Con l’arrivo dell’estate, in riva d’Arno, Fuoribordo Ekò prende vita alle porte della città con un’oasi di 5000 metri quadri per l’intrattenimento delle calde notti fiorentine. E’ il luogo perfetto dove rilassarsi in completo relax mentre i bassi raggi del sole illuminano le verdi fronde di un giardino fuori dal comune. Punteggiato di banani, sterlizie e aceri rossi, lo spazio open air consente di adagiarsi su poltrone o sedie dal particolare gusto batik, sorseggiando cocktail ‘spirituali’ dal richiamo di viaggi esotici e orientali a cura di Ekò Ritual Bar, fino a deliziare le papille gustative con il miglior street food in circolazione.

Fuoribordo 2022Al Fuoribordo Ekò la scelta è non solo sul “dove” stare, ma anche su cosa bere e mangiare: la scelta è tra corner di sushi di carne, poké, hamburger, pizza, pollo e dolci sfiziosi. Non solo: è possibile divertirsi al mini golf in un’aerea verde o appassionarsi al gioco del biliardo a colpi di sfide e palloni tra amici. La novità dell’estate 2022 è una struttura geodetica che funge da suggestivo privé, dove lo spazio e il tempo al suo interno si fondono e incontrano la magia di un cielo stellato. Insomma, nella giunga urbana di Fuoribordo Ekò si respira un mix di note vibranti, sensazioni positive e pura energia.

Villa Vittoria

All’interno del parco di Firenze Fiera, in viale Strozzi e davanti alla Fortezza, Villa Vittoria riapre le porte al pubblico per inaugurare la stagione estiva con un mood e uno stile rinnovati. “Vivi la dolce vita fiorentina” è il concept individuato da InstantLove per descrivere il nuovo mood all’insegna del divertimento in stile made in Italy, raccontando il territorio, un approccio alla vita che contempla la bellezza e il buon vivere, dal cibo alla cultura, dalla mondanità all’arte, recuperando icone del Bel Paese come la Vespa. La principale novità di quest’anno è l’offerta food con una formula originale, il “Drunch”, a metà tra il brunch e il dinner: un menù di antipasti serviti a tavola e a seguire la scelta di un piatto successivo, a partire dalle 20 e fino alle 23.

Con Antonio D’Onofrio alla direzione e Alessandro Capasso – voce della Fiorentina – alla direzione artistica, Villa Vittoria offre una doppia programmazione creativa, una per la cena e una per il dopo cena, con performance live, dj set, ospiti e serate a tema. Sul fronte estetico, spicca la scalinata dal design innovativo e sostenibile, che impreziosisce l’ingresso della Villa con un effetto scenografico luminoso. Ritorna anche Villa Vittoria Cultura con un appuntamento a settimana, curato da Giovanni Fittante in partnership con Firenze Fiera e Fondazione Spadolini.

Holle Market

Sembra ieri ma sono già passati ben 8 anni da quando Deliburger ha aperto il primo punto vendita a Firenze in via Carlo del Prete. La risposta del pubblico ha convinto la società a raddoppiare successivamente con un nuovo store a Firenze sud, in via Enrico De Nicola in una posizione strategica. A pochi metri dal Tuscany Hall. E ora Deliburger per la stagione estiva ha attrezzato e sviluppato il Delipark, uno spazio all’aperto, posto a pochi passi dallo store di Via Enrico de Nicola presso la stazione dell’Eni, che permetterà al pubblico di godersi l’ampio menù di qualità del deliburger che va dagli hamburger per poi passare ai fritti, alle insalate, alle tartare e tanti altri gustosi prodotti, o di passare semplicemente un momento di relax magari sorseggiando un buon cocktail all’interno di un parco immerso nel verde e caratterizzato da diverse postazioni a sedere.

Il Delipark grazie ad Holle Market animerà il parco, ospitando bartender, artigiani dello street food di alta qualità,  chef emergenti, ed eccellenze della ristorazione fiorentina e d’Italia. Un progetto innovativo e un’occasione da non perdere per concedersi del buon cibo, il tutto accompagnato da buona musica e da una serie di eventi tematici, ideali per far partire la serata dopo un piacevole pit stop di gusto. Con Holle Market è presente anche “Fooded”, la più innovativa App italiana per servizi digitali rivolti al mondo dello street food, che permette di ordinare direttamente da smartphone e ritirare le ricette dal food truck o ristorante pop-up selezionato.

Le Pavoniere

É di tre giovanissimi soci il progetto che ha dato una nuova vita a Le Pavoniere, la famosa piscina all’aperto situata del cuore del Parco fluviale delle Cascine. I fratelli Stefano e Simone Contarini e Yuna Kashi Zadeh hanno preso in gestione il bar della piscina ed il ristorante dell’omonima villa, trasformando la mixology e l’offerta gastronomica nel verso focus del locale. Un luogo eclettico, ideale per godersi cocktail d’autore e golosi finger food a bordo vasca in uno dei giardini più freschi e verdi di Firenze. Ma non solo.

Il ristorante all’aperto propone un menù tanto genuino quanto ricercato: originali piatti di pesce per celebrare l’estate e primi e secondi di carne con ingredienti del territorio rivisitati in chiave contemporanea. Menzione speciale va alle pizze cotte nel forno a legna: dalla classica Una Margherita per favore alla Pizza dell’Orto, con verdure fresche di stagione, fino alle Speciali con accostamenti originali e fuori dal comune. Le parole d’ordine? Gusto, musica e convivialità: tutte le sere il giardino è animato da dj set, live music ed eventi per tutti i gusti.

Le Serre Torrigiani

Nel cuore di Firenze, tra Piazza Tasso e Porta Romana, c’è il giardino privato situato in città più grande d’Europa. Al suo interno, una delle location più suggestive ed esclusive per passare in compagnia le calde sere d’estate: Serre Torrigiani. Il giardino all’italiana di Serre Torrigiani accoglie come ogni anno tre differenti spazi: la Serra Storica, elegante struttura con pavimento in cotto originale dell’Ottocento e tetto spiovente con pannelli fotovoltaici, che ospita piante rare in un ambiente che è un mix di storia e contemporaneità; la Serra Grande, struttura di ferro risalente al secondo dopoguerra, dedicata all’organizzazione di eventi, il cui interno può essere modulato proprio grazie alle presenza delle piante; la Serra Alta, a pianta quadrata, spazio più informale in stile jungle con al suo interno gli esemplari più grandi.

Il ristorante del Serre Bistrot offre due diverse proposte. Il ristorante I Lecci ha un menù più strutturato, con piatti tipici toscani ed altri più internazionali, impreziositi da erbette aromatiche a km zero provenienti dall’orto attiguo. Per un aperitivo più informale ha aperto quest’anno Il Giardino delle Tartarughe, spazio lounge dove godersi ottimi cocktail, bevande ghiacciate e taglieri toscani in una delle cornici più belle di Firenze. L’estate di Serre Torrigiani è anche arte e cultura: i giardini e le serre ospitano ogni settimana mostre d’arte, musica, teatro e cinema all’aperto.

Light – Il Giardino di Marte

Dal 2015 il giardino di Campo di Marte, adiacente allo Stadio Artemio Franchi, è stato riqualificato grazie ai ragazzi del Light, che lo hanno trasformato in un punto di aggregazione sociale e d’intrattenimento. La proposta artistica e culturale dell’estate 2022 è ampia e copre tutto l’arco della giornata: più di 140 appuntamenti gratuiti tra rassegne cinematografiche, performance teatrali, eventi per bambini, mostre fotografiche, approfondimenti culturali, workshop e concerti.

La programmazione settimanale prevede balli di gruppo sulla pista da pattinaggio (lunedì) lezioni di Lindy Hop (martedì), Light Jazz Garden (mercoledì), Vintage Light (giovedì), Coqò Djette (venerdì), Live Music (sabato), Il Cinema di Marte (domenica). I 25 mila metri quadrati di giardino ospitano un bar e un chiosco dedicato allo street food che rendono il Light il luogo ideale per frescheggiare nelle sere d’estate. Nel menù hamburger, fritture, pizze cotte nel forno a legna e specialità alla griglia.

Fiorino sull’Arno

Nuovo allestimento per uno dei must have dell’estate fiorentina. Installazioni luminose, tubi innocenti, legno e tanto tanto verde hanno ridisegnato la colorata oasi sulle sponde del fiume. Fiorino sull’Arno è il luogo ideale per fare aperitivo salutando il sole sulle sdraio in riva al fiume o per mangiare all’aperto in compagnia. Due grandi palchi ospitano tutte le sere concerti jazz, live acustici, bossa nova, dj set elettronici e disco music; durante il giorno mercatini, corsi, laboratori per grandi e piccini ed iniziative culturali.

Fiorino sull'Arno

La proposta del bar è coraggiosa e fuori dagli schemi: solo birre, vino e bevande analcoliche, nessun superalcolico. Fiorino sull’Arno promuove la politica del bere consapevolmente e crea uno spazio di aggregazione a misura di giovane, dove i protagonisti sono la musica, il buon cibo, l’allegria e la spensieratezza.

Giardino dell’Artecultura

Riapre lo spazio culturale all’interno del Giardino dell’Orticultura, in via Bolognese. Il chiostro, con vista sull Tepidarium del Roster (deliziosa serra in stile liberty), propone come sempre un menù semplice ma vincente: succhi bio e analcolici, birre artigianali e gluten free e golosi cocktail. E anche frutta fresca, gelati, pizze, piadine tirate a mano, snack, insalate e primi piatti per godersi ogni momento della giornata in un’atmosfera giocosa e di relax.

Come suggerisce il nome, il Giardino estivo dell’Artecultura organizza ogni settimana iniziative culturali, artistiche e di intrattenimento per tutte le età. Dopo il pic nic sul prato ed il caffè iniziano i corsi di yoga e di pizzica, i laboratori per bambini, le esposizioni d’arte. La sera sul palco di fronte al chiostro si può assistere a spettacoli di Stand Up Comedy, dj set, concerti live; c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Molo Firenze

Inaugura la stagione uno dei locali più cool dei lungarni. Anche quest’anno il palco galleggiante sull’Arno del Molo ospiterà band e artisti da tutta Italia; confermato anche il bar con i cocktail del Rex – da oltre trent’anni istituzione della vita notturna fiorentina- ed i chioschi dove poter assaggiare le specialità tosco-marchigiane di BonoBono, il PokePop, il pesce de Il Polpaio dell’Isola d’Elba, la pizza a km0 di SimBIOsi e il gelato artigianale della Gelateria Cioccolateria Vivaldi.

Tante le proposte gastronomiche del molo, così come le attività: biliaridino, ping pong, subbuteo e market per trascorrere i pomeriggi estivi, ma anche corsi di capoeira, yoga, performance di danza e spettacoli di slam poetry, per fuggire dalla noia della città in una bolla d’allegria.

Rispondi