È uscita la Guida Pizzerie Gambero Rosso 2020, che premia i migliori pizzaioli d’Italia. Ecco le new entries fiorentine (Michele Leo di Duje e Marco Fierro di Sud) e tutti i piazzamenti del dream team toscano

Sedici pizzerie toscane, tra “veterani” e new entries: la Guida Pizzerie Gambero Rosso 2020 vede salire il numero di pizzerie napoletane sia nel numero (a 7 a 8, grazie all’ingresso di Michele Leo di Duje e di Sud di Marco Fierro, e all’uscita di Kambusa, da febbraio orfana di Giuliano Moraca) che nei voti, con il Vecchio e il Mare di Mario Cipriano che passa da 90 a 91 punti.

romualdo rizzuti pizza

La graduatoria delle pizzerie toscane vede in testa – entrambi a quota 92 punti, lontani dai 96 di Pepe in Grani di Franco Pepe a Caiazzo (Ce) – la coppia formata da Gennaro Battiloro di Battil’oro Fuochi + Lieviti + Spiriti a Seravezza (LU) e Romualdo “mr. Sei Spicchi” Rizzuti, con Le Follie di Romualdo. Sempre lui a quota 91 con Al Fresco (all’interno del Four Seasons Hotel), il già citato Vecchio e il Mare, le new entries Duje e Sud – più attesa la prima della seconda, in verità – con anche Giotto di Marco Manzi e O’ Scugnizzo ad Arezzo.

Tra le pizze degustazione – o pizze gourmet- sono 7, le pizzerie toscane premiate con i Tre Spicchi dalla Guida Pizzerie Gambero Rosso 2020: si tratta di Apogeo di Massimo Giovannini (Pietrasanta) con 93 punti (foto in alto), poi con 91 la Divina Pizza di Graziano Monogrammi, La Pergola di Radicondoli (Si) e La Ventola di Rosignano Marittimo (Li), infine con 90 lo Spela a Greve in Chianti e lo ZenZero di Pisa. Infine, per la categoria delle pizze a trancio, la Toscana esprime due locali con Tre Rotelle: si tratta di Pizzarium (Lucca) e del forno Menchetti dal 1948 (Arezzo).

gabriele dani disapore

Tra i Due Spicchi, invece, crescono locali come Disapore di Gabriele Dani, passato da 79 a 84 punti. E se festeggiano tutti i pizzaioli toscani inseriti in guida – incluso Stefano Bonamici, titolare e pizzaiolo di ZenZero, che già l’anno scorso fu premiato con la migliore carta delle bevande nella guida – per Michele Leo la gioia è doppia: il pizzaiolo di Duje è stato selezionato tra gli otto pizzaioli che stasera cucineranno per la cena di gala del Gambero Rosso a Napoli.

Previous articleDalla Currywurst alla Kartoffelsuppe: i 5 piatti da non perdere a Berlino (e dove assaggiarli)
Next articleCasale di Grimoli: chef Giuseppe Lo Presti e… il mare sul vigneto
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.