Cucinare vegano è un tomo di 522 pagine che racchiude oltre cinquecento ricette della tradizione mondiale ispirate ai principi del veganesimo, scritto da Jean-Michel Carasso e Luisa Ghetti con prefazione di Igles Corelli

cucinare vegano

Un ricettario nel senso più stretto del termine, un libro che non indulge a fotografie o ad approfondimenti di sorta ma va dritto al punto: ricette vegane da tutto il mondo, nello spirito che da sempre accompagna l’ispirazione editoriale degli autori, che avevamo già raccontato qui. “Cucinare Vegano: 501 ricette della tradizione mondiale naturalmente vegane è il nuovo volume – voluminoso, peraltro, trattandosi di un tomo da 522 pagine – realizzato dallo chef Jean-Michel Carasso e Luisa Ghetti, con la prefazione dello chef Igles Corelli. All’interno si trovano sia ricette salate che dolci, con l’aggiunta di un capitolo sulla panificazione.

cucinare vegano

In linea con il titolo, nel libro vengono proposti cibi e bevande vegani che da sempre si consumano in giro per il mondo, senza “sostituti” alla carne, al pesce, alle uova, ai latticini o al miele. “Cucinare vegano” è una summa delle cucine del mondo alla ricerca dei piatti del passato, della tradizione, ormai quasi scomparsi o ancora attuali e preparati nelle famiglie. Secondo quanto confermano gli autori, “il ricettario è in primis dedicato ai vegani, ma è anche una guida per tutti: un modo per accendere la curiosità e la ricerca, per non legare e limitare il cucinare a tempi, espressioni e preconcetti, un modo per mantenere la mente aperta ad un viaggio nel gusto e nei sapori scoperti o ritrovati”.

Articolo precedenteArriva l’estate, ecco cinque nuovi spirits made in Tuscany da provare
Articolo successivoIn cucina con la mascherina: ecco cosa ne pensano gli chef fiorentini
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.