Il “guru” del panino Alessandro Frassica torna alla scrittura con il terzo libro sul tema, declinato stavolta in chiave ittica con il “Pan’Ino dal mare” (ed. Giunti), dove trovano spazio ricette e camei degli chef

Non vuol essere una trilogia, ma gli si avvicina molto. Il “guru” italiano dei panini – l’uomo che ha preso due fette di pane e le ha sapute portare nell’universo gourmet, dando un plus di dignità a questa icona della cucina made in Italy – aveva già scritto due libri sul tema (qui), e adesso Alessandro Frassica chiude il cerchio con il “Pan’Ino dal Mare” (ed. Giunti). Nel volume, presentato alla Perla del Mare della chef Deborah Corsi, Alessandro declina il tema del panino in chiave ittica, tra ricette personali e altre chieste agli chef con cui ha incrociato il cammino in questi anni.

alessandro frassica

Il nuovo libro di Alessandro Frassica, detto ‘Ino, è quindi interamente dedicato agli ingredienti e ai sapori del mare: nelle sue pagine si spazia dalle acciughe al baccalà, dal polpo ai crostacei, tra abbinamenti insoliti e accostamenti creativi all’insegna del nessun dogma che spingono i lettori alla scoperta di panini gourmet. Oltre alle ricette di ‘Ino, nel volume c’è il contributo di una serie di chef amici, a partire dalla stessa Deborah Corsi e per finire con Filippo La Mantia, Moreno Cedroni, Cristiano Savini o Pedro Hernandez.

E così, quello che finora si limitava ad abbinamenti “semplici” o evergreen come burro e acciughe adesso (complice anche la sempre maggiore diffusione dei salumi di pesce come la porchetta e la finocchiona di tonno, la mortadella di mare di Paolo Orazzini di San Vincenzo e così via) diventa un mondo di sapori da scoprire. “in questo libro – spiega l’autore – ogni singola ricetta è stata pensata mettendo al centro un ingrediente del mare. Ed ecco dunque susseguirsi

alessandro frassica

In fondo, per Alessandro Frassica i panini sono da sempre (anzi, dal 2006 quando aprì la bottega a pochi passi da Ponte Vecchio) un gioco di equilibri precisi tra ingredienti di qualità, per esaltarli sia singolarmente sia in abbinamento tra loro, che si tratti di consonanze o contrasti. Il risultato di questa alchimia ittica? Alici da abbinare a mozzarella di bufala, colatura di alici olio al limone e scorza di limone, o il gambero rosso con stracciatella di burrata e capocollo di Martina Franca. O ancora, il moscardino con un’emulsione di limone e zenzero, finocchietto selvatico e chips di patate.

Previous articleVilla Montepaldi, vino che nasce da una storia millenaria (e dalla ricerca universitaria)
Next articleFattoria di Luiano, fare “wine entertainment” con un po’ di musica e un’altalena
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.