Solidarietà: giovedì 4 luglio in scena l’evento Italian Chef Charity Night 2019 al Forte Belvedere, la quarta edizione dell’appuntamento che mette insieme i piatti “griffati” da 15 chef toscani, stellati e non. I fondi raccolti verranno utilizzati per acquistare un macchinario salvavita del pronto soccorso di Careggi

gruppo cuochi Italian Chef Charity Night 2019

La rete di solidarietà degli chef fiorentini non si ferma. Per il quarto anno consecutivo, dopo tre appuntamenti dedicati alla ricostruzione post-sisma di Amatrice e alla lotta al femminicidio, la tradizionale serata benefica verrà organizzata sulla terrazza del Forte Belvedere. Quest’anno i fondi raccolti saranno destinati all’acquisto di un macchinario salvavita del pronto soccorso di Careggi.

L’appuntamento andrà in scena giovedì 4 luglio dalle 20,30 e coinvolgerà alcuni dei più rinomati chef fiorentini e toscani, che hanno risposto con grande generosità all’appello lanciato dal comitato “Italian Chef Charity Night” per dare un segnale di continuità con le iniziative degli ultimi tre anni. Il programma della serata prevede una cena a buffet aperta al pubblico, con un’offerta minima di 25 euro interamente devoluta al pronto soccorso fiorentino per acquistare un macchinario in grado di salvare la vita di chi corre pericolo imminente di morte.

Italian Chef Charity Night 2019

I partecipanti all’Italian Chef Charity Night 2019 potranno così assaggiare i piatti “signature” di 15 importanti chef del panorama fiorentino e toscano, inclusi i titolari di diversi ristoranti stellati: saranno presenti, tra gli altri, gli stellati Marco Stabile (Ora d’Aria), Maria Probst e Cristian Santandrea (La Tenda Rossa), Filippo Saporito (La Leggenda dei Frati), Giovanni Luca Di Pirro (Castello del Nero) e Daniele e Andrea Zazzeri (La Pineta), insieme – in ordine rigorosamente alfabetico – a Gabriele Andreoni (Gurdulù), Sandro Baldini (Relais Le Jardin), Filippo Baroni (Mater), Paolo Gori (Burde), Elisa Masoni (La Quercia di Castelletti), Andrea Perini (Al 588), Giacomo Piazzesi (Olivia), Beatrice Segoni (Konnubio), Giulia Talanti (Dek) ed Edoardo Tilli (Podere Belvedere).

chef sanapo

I fondi raccolti durante l’Italian Chef Charity Night 2019 – patrocinata da Comune di Firenze, Confcommercio e Confesercenti e condotta, come sempre, da Annamaria Tossani – saranno consegnati nelle mani del direttore del pronto soccorso di Careggi, Stefano Grifoni. Insieme ai piatti degli chef, con un’offerta di 25 euro i fiorentini potranno assaggiare anche le bruschette di Johnny Bruschetta, le pizze fritte di Giovanni Santarpia e Mario Cipriano, i cantucci del forno Pane, amore e fantasia, i vini dell’azienda vinicola I Balzini, lo champagne della maison Bergere, il caffè di Ditta Artigianale (foto in alto) e il gelato di Paolo Pomposi (Badiani) e Antonio Ciabattoni (La Sorbettiera).

Qui si possono acquistare i biglietti della Italian Chef Charity Night 2019

Previous articleViareggio, (ri)ecco il primo 5 stelle: l’hotel Plaza con la cucina dello chef Luca Landi
Next articleSul muro del fu Casoni (e Giacosa) inaugurata la targa per il centenario del Negroni
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.