Con Boccaccesca 2022 torna a Certaldo (Fi) la 24° rassegna delle eccellenze enogastronomiche e artigianali. Tre giorni di show cooking, tasting itineranti e performance per celebrare l’arte dell’enogastronomia

Era il 1998 quando a Certaldo si diedero appuntamento alcuni tra i migliori cuochi italiani e giovani talenti per far conoscere i prodotti locali e promuovere i presidi Slow Food (dei quali fa parte la cipolla di Certaldo). Ancora non si sapeva ma quell’evento aprì la strada ad un fenomeno che pian piano si allargò a macchia d’olio: quello delle manifestazioni gastronomiche. Boccaccesca è stata la prima kermesse italiana dedicata al gusto in cui si è parlato di cucina, di cuochi e di cooking show davanti al pubblico.

certaldo

Oggi Boccaccesca 2022 torna ad animare, finalmente senza le restrizioni legate alla pandemia, il Borgo basso e il cuore medievale di Certaldo Alto. Tre giorni – da venerdì 14 a domenica 16 ottobre – in cui saranno presenti stand di street food e produttori artigianali provenienti da varie parti di Italia. Insieme a loro anche alcuni esercenti di Certaldo con specialità locali in degustazione.

boccaccesca 2022

Gli eventi di Boccaccesca 2022

Condotti da Annamaria Tossani, ogni giorno in piazza SS. Jacopo andranno in scena gli appuntamenti “Cuochi in Piazza” (cooking show con tanti piatti d’autore in degustazione, con chef come Gabriele Andreoni dell’Oste di Calenzano, Stefano Pinciaroli di PS a Cerreto Guidi, Lorenzo Romano dell’Insolita Trattoria, Giuseppe Papallo dell’Architettura del Cibo e Paolo Gori di Burde a Firenze) e i laboratori per bambini “Oggi cucino io”. Enoteche, bar, ristoranti e gelateria si trasformeranno in soste golose di un itinerario pensato all’insegna del gusto. Non solo food: per tutti e tre i giorni la Scuola di Musica Polis si esibirà in concerti acustici accompagnati dalla coreografia di artisti e floricultori nelle performance “Musica e Piante”.

boccaccesca 2022

“Certaldo conferma di saper produrre eventi culturali di alta qualità”, dice il presidente del Consiglio regionale, Antonio Mazzeo. “La Toscana è terra di arte, di cultura, di bellezza, capace di portare nel mondo le proprie eccellenze enogastronomiche. Boccaccesca 2022 riesce a rappresentare al meglio quello che siamo e quello che vogliamo essere: tiene insieme artigianato e prodotti del territorio, li presenta in forma di spettacolo. Anche questa è arte e bellezza, di qui passa la costruzione di un pezzo di Toscana del domani, che dovrà essere terra del benessere, del buon vivere”.

“Si conferma una manifestazione culturale ricca di eventi di qualità, incentrata sullo star bene e sull’educazione a mangiare bene. Il messaggio è che si può mangiare e bere curando sia la qualità che la buona salute”, afferma Giacomo Cucini, il sindaco di Certaldo. “Torniamo a occupare il nostro borgo medievale di Certaldo Alto e anche nella parte bassa del paese sarà possibile respirare lo spirito dello stare insieme nel nome del buon cibo, della cultura e della musica, con gli chef in piazza, con il coinvolgimento dei bambini, con la piazzetta dei gemellati, dove tanti Comuni d’Italia e d’Europa vengono a presentare a Certaldo i loro prodotti enogastronomici d’eccellenza”.

Per il programma completo consultare il sito.

Rispondi